Di ventotto ce n’è uno ?

mussolini11Immagino i commenti circa il manifesto che accompagna questo articolo che incorporano aggettivi come “macabro”, “lugubre”, “orrido” e quant’altro. Ma è la realtà ad essere macabra ed il macabro permette di ricordare in maniera più duratura. In questo caso l’immagine deve essere un monito per chi come noi, anche nel proprio piccolo, lotta anche per quegli “italiani” che seppero far tanto ed altrettanto farebbero ancora. Un monito affinché un giorno non non si possano ripetere quegli errori di “buon padre di famiglia” che permisero questo.

Potremmo qui riempire pagine sulla vera fine del Duce d’Italia, su chi lo ha ucciso, sui perché  Una serie di misteri che si alternano ad indagini ed accertamenti che smentiscono la verità ufficiale. Ma servirebbe a poco.

Continua a leggere

Una crisi prevista dal male assoluto

TD1992.20.2Riporto una email ricevuta che sintetizza ed analizza come Benito Mussolini, personificazione del male assoluto, si era reso conto di dei problemi che oggi ci hanno portato forse al punto di non ritorno.

 

Carissimi!

«Questa crisi che ci attanaglia da quattro anni – adesso siamo entrati nel quinto da
un mese – è una crisi “nel sistema o del sistema?”». Bella domanda, no?!… ma chi
l’ha fatta? e quando? L’ha pronunciata Benito Mussolini nel Suo celebre discorso
del 14 novembre 1934 su «lo Stato Corporativo». L’interrogativo, non v’è dubbio,
descrive una situazione perfettamente combaciante con quella attuale.

Continua a leggere

La caduta dell’idea di Stato

Caduta-degli-Dei-a26106723Per poter capire il processo di caduta che ha subito negli ultimi tempi l’idea di Stato, bisogna constatare un fenomeno fondamentale: il fenomeno della regressione delle caste, legata ad una più vasta concezione ciclica della storia, consistente essenzialmente nella “Dottrina delle 4 età”.

La forma più nota di questa dottrina è quella propria della tradizione greco-romana, infatti Esiodo parla appunto di 4 ere, contrassegnate simbolicamente dai 4 metalli (oro, argento, bronzo,e ferro). Attraverso le quali da una vita “simile a quella degli dei”, l’umanità sarebbe passata a forme di società sempre più dominata dall’empietà, dalla violenza e dall’ingiustizia. Come nella tradizione greco-romana, questa dottrina è presente in molte altre tradizioni di altre grandi civiltà come quella indo-ariana, egiziana, ellenica ed ebraica. Continua a leggere

Un fascio per l’Italia

simbolo-sansepolcrismoUna data che in pochi ricordano, che la storia non vuole ricordare.

Il 23 Marzo 1919, da un incontro passato inosservato dai più, prendeva vita uno dei più grandi movimenti rivoluzionari !

Col termine rivoluzionario non si deve solo intendere quella forza dirompente di masse che travolgono il vecchio; la rivoluzione fascista fu una rivoluzione di spirito, un elevazione delle masse.

Riporto quì sotto alcuni punti, peraltro attualissimi anche oggi, in cui appare evidente che il percorso politico fu un unico filo filo conduttore che dal 1919 termina (perchè fatto terminare dalle plutocrazie con una guerra) nel 1945. In troppi differenziano il “ventennio” dal resto, parlando col senno del poi, senza capire quali furono le contingenze socio-economiche che portarono al rallentamento di certi processi e che oggi potrebbero sfuggirci.

Certo è che con la RSI vengono fissati alcuni importanti punti già teorizzati nel 1919.

Continua a leggere

Il delitto Matteotti visto oggi

MatteottiOrmai estenuato e avvilito da siparietti, teatrini, tragedie e commedie varie dell’attuale campagna elettorale, è sacrosanto riportare alla luce pagine nella nostra amata Storia, furbescamente chiusa a doppia mandata in un scrigno sotterrato in un isola sperduta.

Da quando siamo nati, in tutti gli istituti scolastici, ci hanno sempre propugnato l’idea che Giacomo Matteotti (Fratta Polesine, 22 maggio 1885 – Roma, 10 giugno 1924, scrittore e politico socialista che militò prima nel Partito Socialista Italiano e poi, in seguito alla scissione interna, nel Partito Socialista Unitario) fu una vittima del regime fascista, chiaro esempio della violenza politica che il “regime” applicava, a fini propagandistici, sul popolo italiano.
Detto questo soltanto nel 1985 uscì un altro tipo di interpretazione alla vicenda a dir poco interessante: il primo giornale che scrisse di “un’altra verità” a riguardo del delitto Matteotti fu proprio “l’Avanti!” del 27 luglio 1985 con un articolo di Antonio Landolfi dal titolo:

“La Massoneria e il delitto Matteotti: un’altra verità.”

L’articolo scritto faceva riferimento a quanto pubblicato da Gianmatteo Matteotti nel suo libro “Quei vent’anni. Dal Fascismo all’Italia che cambia”
L’argomento fu ripreso anche dalla “Storia Illustrata” che nel suo numero di Novembre presentò un articolo dal titolo

“Delitto Matteotti: fu uno sporco affare di petrolio”.

Continua a leggere

LA TORRE DI LITTORIA SPLENDE DAL 18 DICEMBRE 1932 !

Con alcuni membri del raggruppamento romano di USN, abbiamo avuto l’onore di partecipare ad una festa/convegno organizzata proprio a Littoria dall’associazione culturale PASSEPARTOUT.

Littoria

Festa e convegno perché in occasione dell’ottantesimo anniversario della fondazione di Littoria, si è potuto ospitare uno dei pochi sopravvissuti, per motivi ovviamente anagrafici, che ebbe l’onore, benché bambino, di partecipare all’inaugurazione proprio il 18-12-1932. Parlo di Rutilio Sermonti, non solo un “reduce” ma un grande uomo esempio di coerenza di vita, una vita vissuta  all’insegna di una onestà intellettuale e spirituale inarrivabile, una vita sacrificata interamente alla causa. Un uomo per me padre spirituale come lo credo lo sia stato per molti.

Preziose come sempre le sue parole a ricordo di un passato che noi possiamo solo immaginare, ed a monito del futuro.

Continua a leggere

ECCIDIO DI ROVETTA – Continuità ideale

Si è svolta il 18 Novembre a Roma, presso il cimitero del Verano, la commemorazione dell’eccidio di Rovetta.

Rappresentanti del Raggruppamento Romano di USN erano presenti in loco come ogni anno, a ricordare in maniera silente quel vile atto non di guerra, che vide cadere uccisi vigliaccamente a guerra terminata, un gruppo di giovani della Legione Tagliamento.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Continua a leggere