Spiragli di luce

soleSabato 1° giugno, mentre c’era chi si drogava davanti alla televisione (mediadipendente) con insulsi programmi di intrattenimento o “approfondimento”, chi si riparava dai temporali “sognando” dentro un centro commerciale, chi lustrava la divisa per la festa della repubblichetta massonica che l’invasore ci ha regalato, a Roma, in una giornata piovosa, un sole radioso riscaldava gli animi di quegli uomini liberi che si sono ritrovati insieme dentro una sala dell’hotel dei Congressi per discutere dei problemi ormai allarmanti che stanno facendo precipitare la nostra Nazione e l’Europa intera in un baratro. Uomini sicuramente non “normali”, che si sono fatti anche centinaia di chilometri per partecipare a quello che era non solo un convegno, ma anche e soprattutto un occasione per conoscersi e per poter iniziare a portare avanti un comune progetto nel rispetto delle individualità dei singoli movimenti.

ManifestoPer dovere di cronaca, non distante, c’era chi in un altro albergo tentava di rianimare cadaveri attingendo a quel bacino che viene chiamato “area” o peggio ancora “destra”, come se anche i recenti risultati elettorali non fossero abbastanza eloquenti per dichiararne la morte (ma con un po’ di intelligenza lo si poteva capire da tempo immemore).

Basterebbe poi fare anche delle considerazioni di carattere “commerciale”; destra = PDL, sinistra = PD, partiti che la gente tende a votare sempre di meno. Estrema destra = xenofobia, estrema sinistra = promiscuità, partitelli a cui la gente non si avvicina anche per paura, a causa degli stessi leader che tollerano l’intrusione di cani e porci pur di racimolare voti o militanti.

Si potrebbe parlare della “destra sociale” che include due parole storicamente in antitesi, anche se a molti in buona fede sembra permetta il coniugare dei valori nazionali ad istanze sociali, cosa che comunque non corrisponde alla visione di una società Socialista Nazionale.

Quando i Sansepolcristi si ritrovarono nel 1919, non si posero certo il problema se tutti i convenuti fossero “camerati” (ne ovviamente fascisti…); paradossalmente oggi si continua a voler amalgamare “fascisti” pescando in un laghetto torbido e melmoso, quando vi è un oceano in cui pescare uomini liberi.

Ma non divago oltre e torno al sole che risplendeva in quella sala dell’Hotel dei congressi; interventi di qualità, anche di persone esterne al comitato promotore e soprattutto partecipazione ed adesione ai punti che il comitato di Resistenza Italiana elencava oltre al tema centrale della sovranità monetaria. Uomini liberi dicevo, che o singolarmente o in rappresentanza di movimenti ed associazioni hanno deciso di intraprendere un percorso insieme senza dover rinunciare alla propria identità ed al proprio ruolo.
Questa è la maturità di cui la Nazione ha bisogno !

Non servono le etichette, non serve riferirsi al passato più o meno recente !

Servono idee, ma soprattutto onestà ed umiltà; questo stiamo riscontrando con i primi gruppi aderenti al manifesto e questo ci fa ben sperare per il futuro. Si inizi a lavorare prima ancora che a “unire” per andare a caccia di voti alle prossime elezioni, come se tutti non fossimo consapevoli che i ludi cartacei non risolveranno mai nulla se non con un coinvolgimento realmente popolare.

Dopo l’intervento del dott. Galloni di ottimo livello a cui, nella nostra visione politica mancava quel “sentimento” che anima USN, si sono susseguiti gli interventi tutti ottimi del nostro decano Stelvio Dal Piaz, di Ernesto Ferrante giornalista di Rinascita (giornale che il sistema vorrebbe far tacere per la sua informazione fuori dal coro), di Emanuele Campolonghi dell’associazione Asso di Picche, di Danilo Calvani del C.R.A..

Vi è stata la possibilità di porre delle domande al dott. Galloni, e di conversare con tutti alla fine del convegno in un clima cordiale ed assolutamente costruttivo.

A breve seguirà il video del convegno a sostegno dei molti che materialmente ci sono stati vicino pur non potendo partecipare a questa radiosa giornata.

Alessio Provaroni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...